Home / NEWS / IL BISOGNO IMPERIOSO IN PROVINCIA DI PESCARA
Condividi
Pubblicato il 02 Settembre 2011

IL BISOGNO IMPERIOSO IN PROVINCIA DI PESCARA

Il Teatro Stabile d’Abruzzo presenta la Compagnia della Memoria in "Il bisogno imperioso. Gabriele d’Annunzio: poeta in pubblico, artista nella vita", di e con Milo Vallone e le musiche originali di Federico Galli, il 5 settembre ad Alanno, in piazza Trieste, ed il 7 settembre a Torre de Passeri, nel Parco provinciale, sempre alle ore 21.00, ingresso libero.
Lo spettacolo, fortemente voluto dal TSA e dall’amministrazione provinciale di Pescara, dall’ Assessore alla cultura Fabrizio Rapposelli, è un viaggio nella vita e nell’arte del poeta pescarese e si compone di alcune tra le più belle pagine della letteratura del Vate sia in prosa che in poesia.
Il testo è intriso anche di lettere autografe che d’Annunzio scrisse ad alcune delle sue donne così da disegnare un’unica trama tra il suo essere poeta "pubblico" e il suo continuo essere artista in privato.
I brani, sempre autentici, ci faranno incontrare sia il d’Annunzio che conosciamo e sia quello che immaginiamo ma che difficilmente si legge, o si ascolta. Da qui prende il via un percorso che ci porterà in quasi un’ora all’interno di tutto il variegato e inimitabile mondo dannunziano: i suoi amori, la sua vita, gli aspetti politici, le manifestazioni belliche e ovviamente la sua suggestiva e ricchissima produzione poetica.
Un’esistenza costellata di poesia, arte ma anche "dal bisogno imperioso di vita violenta, della vita carnale, del piacere, del pericolo fisico, dell’allegrezza", come scrisse in una lettera ad Eleonora Duse. Come farà dire nel suo celebre romanzo "il Piacere" al padre del protagonista Andrea Sperelli: "Bisogna fare la propria vita, come si fa un’opera d’arte. Bisogna che la vita d’un uomo d’intelletto sia opera di lui. La superiorità vera è tutta qui."
Questa, pare essere una legge fondamentale della sua vita: il principio necessario…della sua esistenza.
Lo spettacolo è realizzato nell’ambito di "Progetto Abruzzo" che vede il TSA promotore ed incubatore delle più vitali iniziative culturali del nostro territorio; sul palcoscenico un perfetto esempio dell’ attività dell’ente teatrale regionale in collaborazione con le amministrazioni provinciali