Home / NEWS / FRAMMENT/AZIONI A PALAZZO ARDINGHELLI
Condividi
Pubblicato il 09 Agosto 2015

FRAMMENT/AZIONI A PALAZZO ARDINGHELLI

Il cantiere di Palazzo Ardinghelli si apre ancora una volta alla città per diventare la suggestiva scenografia di un appuntamento multidisciplinare: nell’ambito del progetto "Expo e i territori" della Presidenza del Consiglio dei Ministri (di cui il MIBACT è partner), e dalla collaborazione tra il Segretariato regionale per l’Abruzzo, la Soprintendenza Unica per L’Aquila e il cratere e il Comune dell’Aquila, da lunedì 10 agosto a mercoledì 12 agosto, alle 21,30, alcune sale della settecentesca casa signorile (in fase di restauro grazie al sostegno del Governo russo) saranno animate da "Framment/Azioni" eventi realizzati in collaborazione con il Teatro Stabile d’Abruzzo, la Società Aquilana dei Concerti "B. Barattelli", i Solisti Aquilani, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese ed il Gruppo E.motion.
Un’iniziativa che, nel segno della rinascita e dei valori del territorio messi in evidenza dall’Expo, coniuga cantieri di restauro e Cantieri dell’Immaginario, beni e attività culturali, musica e danza e teatro, recupero e valorizzazione del patrimonio culturale, rinascita materiale e rinascita sociale, memoria e futuro, per dare anima alle pietre ed arricchire di contenuti i preziosi contenitori. Di seguito il programma.

Lunedì 10 agosto I Solisti Aquilani, con Daniele Orlando, Francesco Peverini, Federico Cardilli, Violini, Gianluca Saggini, Riccardo Savinelli, Luana De Rubeis, Viole, Giulio Ferretti, Michele Marco Rossi, Umberto Oleandri, Violoncelli, Ettore Maria Del Romano Clavicembalo, proporranno una performance interamente dedicata a Bach. Sulla balconata di Palazzo Ardinghelli eseguiranno ARIA SULLA QUARTA CORDA . Non si tratta propriamente di un lavoro a se stante, ma è il secondo movimento dalla Suite per orchestra n. 3 in Re maggiore BWV 1068. In origine Johann Sebastian Bach scrisse la Suite tra il 1717 e il 1723 per il suo mecenate il principe Leopoldo di Anhalt. Solo nel XIX secolo, il violinista tedesco August Wilhelmj, modificando la chiave di lettura da re maggiore a do maggiore, si accorse che l’Aria poteva essere eseguita su una sola corda del violino e, a partire dal 1871, il brano venne sempre più spesso eseguito con il titolo modificato.
All’interno del Palazzo, invece, echeggeranno le note del CONCERTO BRANDEBURGHESE N.3 BWV 1048 che costituisce, insieme agli altri 5, un affascinante laboratorio delle possibilità di scrittura per gruppo strumentale, indagate attraverso una straordinaria varietà di soluzioni compositive.

Martedì 11 agosto l’Istituzione Sinfonica Abruzzese presenterà l’ATERNUM ENSEMBLE con musiche di W. A. Mozart. Protagonista della serata sarà una formazione con solo strumenti a fiato: Stefano Bellante, Alfonso Giancaterina, clarinetti; Carlo Torlontano, Alessandro Ponticelli, corni; Alfonso Patriarca, Giuseppe Reggimenti, fagotti.

Mercoledì 12 agosto la Società Aquilana dei Concerti "B. Barattelli" offrirà ben due eventi musicali. Il pubblico sarà accolto all’esterno dal gruppo "AQUILA BRASS ENSEMBLE", un quintetto di ottoni (due trombe, corno, trombone e tuba) formato da Carlo Morelli, Flavio De Matteis, Loreta Rocchi, Anacleto Filippetti e Giorgio Filippetti, che dalla balconata del palazzo eseguirà due brani del repertorio europeo cine-seicentesco: il primo del compositore Tylman Susato che ha scritto molte danze e brani di impatto sonoro e timbrico tipici della"Renaissance"; il secondo del compostore e teorico tedesco Michael Praetorius, che con "Les Bellets du Roy" ci riporta all’atmosfera trionfale delle grandi corti europee.
Nella sala interna un duo formato da Luigi Tufano, docente al Conservatorio di Musica "A. Casella" dell’Aquila e Lara Coccia che eseguiranno alcune pagine di Hotteterre, Telemann e W.F. Bach con due flauti traversi, anticamente chiamati traversieri. L’obiettivo è quello di ricreare con questi brani in stile settecentesco quell’atmosfera musicale che si respirava presumibilmente durante l’edificazione dello stesso Palazzo Ardinghelli a seguito del terremoto del 1703.

Il Teatro Stabile d’Abruzzo proporrà nelle tre serate, un percorso con Seneca, Ovidio, Sallustio e Virgilio, immortali autori scelti per la loro capacità di stupirci ancora per la bellezza dei racconti e della prosa. A dar voce a questi capolavori un gruppo di attori selezionati dal sapiente lavoro fatto nei mesi scorsi con il progetto "Talenti" fortemente voluto dal direttore Alessandro D’Alatri.
Con "Talenti", e la messa on line sul sito del TSA dei video delle audizioni di ben 120 attori, l’Ente Teatrale Regionale ha realizzato un utile strumento per tutti coloro che si occupano di casting e di ricerca di attori e performer con conseguente ricaduta sui livelli occupazionali nel mondo della Cultura.
Questi i primi attori selezionati e coinvolti in Framment/Azioni: Valeria Angelozzi, Valentina D’Andrea, Andrea Fugaro, Stefano Moretti, Emanuela Scipioni e Silvano Torrieri.

Il Gruppo E.motion presenterà, anch’esso per ben tre serate, "FRAMMENTARE, Dividersi, ridursi in frammenti, spezzare, rompere, cedere" con i danzatori Manolo Perazzi e Angela Valeria Russo.
Una partitura di movimenti all’interno di uno spazio sonoro che si frammenta come il vetro, mutando continuamente in quanto fragile come l’essere umano: attraverso il ritmo e lo spazio, giocando con l’energia e il peso e instaurando relazioni con il luogo e il pubblico.

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito. Per ciascuno spettacolo l’ ingresso è limitato a 8o persone con obbligo di prenotazione contattando il botteghino del TSA (0862- 410956) in orario d’ufficio.