Home / NEWS / ALESSANDRO GASSMAN DIRETTORE DEL TSA
Condividi
Pubblicato il 30 Gennaio 2009

ALESSANDRO GASSMAN DIRETTORE DEL TSA

Il Teatro Stabile d’Abruzzo rinnova i suoi vertici, nella prima seduta di mercoledì 28 gennaio 2009, il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Ente Teatrale Regionale ha infatti nominato all’unanimità Direttore per il triennio 2009/2011 Alessandro Gassman.
Gassman, dal prossimo 1 febbraio, succede a Federico Fiorenza che esprime il massimo apprezzamento per il compimento del percorso artistico da lui stesso avviato con la prima nomina dell’artista a Consulente, poi a Direttore Artistico delegato, fino ad arrivare alla nomina attuale.
Il nuovo Direttore che in questi giorni è in tournée con lo spettacolo campione di incassi e presenze “La parola ai giurati” si dichiara onorato del prestigioso incarico: “L’Aquila è una realtà felice, nel senso che è una città ricca, colta, bella, è veramente nel centro del nostro Paese e credo che possa diventare un laboratorio dove sperimentare, fare qualcosa che gli altri Stabili, più grandi di noi, non hanno interesse a fare. Già il teatro sociale sta diventando per lo Stabile d’Abruzzo un’arma importante.”
“E’ un avvicendamento significativo per il nostro Ente che è guardato con interesse anche oltre i confini nazionali “ dice il presidente Michele Trimarchi che ha elogiato a nome dell’intero CdA l’operato della direzione di Federico Fiorenza che ha riportato il TSA sui grandi palcoscenici italiani.
Per poter affrontare al meglio le nuove stagioni, brillanti dal punto di vista artistico ma caratterizzate anche dai preventivati tagli al FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo), siedono attualmente nel CdA del TSA i Presidenti delle Amministrazioni Provinciali Stefania Pezzopane, Ernino D’Agostino e Giuseppe De Dominicis ed il Sindaco di L’Aquila Massimo Cialente che ricopre il ruolo di Vicepresidente dell’Ente. Contestualmente alla accettazione della nomina a vicepresidente Massimo Cialente ha rinunciato ad ogni indennità prevista dallo Statuto, in linea con la politica di riduzione dei costi e con l’espressa volontà di aumentare le risorse da destinare alle produzioni.

TSA