Home / NEWS / A fine giugno “100 anni dopo – sulle tracce di Estella Canziani”
Condividi
Pubblicato il 17 Giugno 2022

A fine giugno “100 anni dopo – sulle tracce di Estella Canziani”

100 anni dopo – sulle tracce di Estella Canziani

Con il Patrocinio di sei Comuni dell’Aquilano, a fine giugno prenderà forma il progetto “100 anni dopo sulle tracce di Estella Canziani – Viaggio d’arte nelle Terre della Baronia a passo d’asino” che consiste in un viaggio-studio: una residenza artistica itinerante che ripercorrerà una parte del viaggio che Estella Canziani, intellettuale e viaggiatrice inglese di origini italiane, fece in Abruzzo nel 1913 raccontato nel libro “Through the apennines and the lands of the Abruzzi”.
Il progetto è a cura di Gira e Rigira, associazione che promuove escursioni e trekking culturale in compagnia di asini, e del TeatroVagante, è finanziato dall’Incubatore di creatività di UNIVAQ, in collaborazione con il Teatro Stabile d’Abruzzo, avrà l’ospitalità del MAXXI L’Aquila e si avvarrà della presenza della dott.ssa Valeria Pica, ricercatrice in sociologia dei processi culturali, che seguirà l’intero viaggio.. Agli enti culturali si affianca il sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Roma, della Cooperativa Oro Rosso e di Decathlon L’Aquila.
Nel viaggio saranno coinvolti un gruppo di studenti universitari, guide, attori, reporter e asini con lo scopo di mettere in relazione arte, ricerca e territorio.
T
rekking e Cultura, Teatro e Comunità, Ricerca e Giovani: i binomi chiave di questo progetto.

Il progetto:

L’esperienza proposta è un cammino nel tempo e nello spazio in compagnia di asini e di un diario di viaggio che verrà reinterpretato in chiave teatrale; alla scoperta di paesaggi, sentieri e borghi, della loro storia e delle loro tradizioni si ripercorrerà una parte del tour dell’artista Estella Canziani avvenuto più di un secolo fa, confrontando il prima e il dopo attraverso incontri con artigiani, abitanti del luogo e avventori.
Il tour consiste in un trekking someggiato di 5 giorni alla scoperta delle Terre della Baronia nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso. Ogni giorno il gruppo toccherà un paese diverso: partendo da Santo Stefano di Sessanio si arriverà a Castel del Monte per poi proseguire verso Calascio, si riscenderà quindi a Castelvecchio Calvisio per chiudere infine l’anello tornando a Santo Stefano.
Il trekking someggiato è un’attività legata al turismo lento che consiste nell’escursionismo con asini intesi come compagni di viaggio che possono aiutare il gruppo a trasportare zaini e bagagli. Il trekking con gli asini favorisce una nuova relazione tra uomini e animali, basata su conoscenza, rispetto e cura reciproca.
Nei borghi il gruppo vivrà una vera e propria esperienza di scambio con la comunità.
L’incontro avverrà attraverso una performance teatrale collettiva che si svolgerà nei luoghi più caratteristici dei paesi visitati e che andrà a coinvolgere la comunità ospitante e quanti vogliano partecipare (eventi aperti al pubblico in forma gratuita).
Di seguito il programma degli incontri spettacolari aperti al pubblico dal titolo “100 anni dopo sulle tracce di Estella Canziani”:

28 giugno Castel del Monte ore 18:30: incontreremo i bambini e le bambine che abitano il paese. Baratteremo con loro, con Luciana e con gli adulti innamorati del luogo esperienze attuali di vita.

29 Giugno Calascio ore 18:00: il maestro orafo Giampiero Verna ci guida al Museo del gioiello e dell’antica bottega orafa, con noi Gli Amici di Calascio che si prendono cura e animano l’antico convento di Calascio

30 giugno Castelvecchio Calvisio ore 17:00: Romeo Battisteli, unico fornaio del paese, ci racconta il pane di ieri e il pane di oggi.

1 luglio Santo Stefano di Sessanio ore 17:00: incontro con le Ciaole tra storie, fili e lana.

Propedeutici al viaggio sono una residenza artistica del TeatroVagante a Carapelle Calvisio, ospite del Comune, e un incontro di due giorni presso l’Ostello sul Tratturo a Civitaretenga – Navelli in cui il gruppo, attraverso un laboratorio di teatro, verrà guidato alla costruzione della performance da realizzarsi nei paesi che visiterà e verrà istruito sul viaggio.
Il 6 Luglio, invece, la Carovana di Estella sarà ospite del MAXXI L’Aquila per l’incontro finale in cui si realizzerà una mappa dell’esperienza da condividere.
Il progetto nasce da un’idea di Chiara Ciaglia (Gira e Rigira) che si è incrociata con le finalità del percorso artistico di Sara Gagliarducci (TeatroVagante) grazie alla collaborazione avvenuta nel viaggio di evasione realizzato nel 2021 con l’Incubatore di Creatività di Ateneo.
Chiara Ciaglia è co-fondatrice, insieme a Luigi Calabrese, di Gira e Rigira, realtà nata nel 2017 che si occupa di escursioni e trekking culturali in compagnia di asini con base a Santo Stefano di Sessanio e che si pone l’obiettivo di contribuire alla promozione e alla valorizzazione del territorio attraverso originali attività adatte ad escursionisti di ogni età e preparazione atletica.
Sara Gagliarducci, attraverso l’arte performativa, indaga la relazione tra i luoghi e le persone, tra spazio pubblico e privato. Sara, con il TeatroVagante e con il progetto “Evasione: dalla piazza al cuore”, porta l’arte di strada e il teatro di comunità in piccoli paesi fuori dai circuiti turistici e dei festival, superando l’ottica mordi e fuggi della fruizione culturale e insistendo sulla relazione e lo scambio con la comunità ospite.

CHI È ESTELLA CANZIANI

Viaggiatrice, scrittrice e pittrice inglese dei primi del ‘900, è l’autrice del libro Through the Apennines and the lands of the Abruzzi. Landscape and peasant life, una descrizione dei paesi e della vita dei pastori e dei contadini d’Abruzzo corredata da 24 splendide illustrazioni, pubblicato in Inghilterra nel 1928.
La Canziani compie il viaggio in compagnia del padre e di un mulo e nel volume riporta fedelmente la sua esperienza trascorsa nei paesi di Castelvecchio Calvisio, Santo Stefano di Sessanio, Calascio, Castel Del Monte, Scanno, Cocullo e L’Aquila.
Nel suo diario l’acuta viaggiatrice registra ogni cosa: panorami mozzafiato, l’abbigliamento delle donne, racconti e tradizioni, comprese le tante superstizioni che sono all’origine di simboli e amuleti ancora oggi riprodotti come gioielli. Osserva, scrive e dipinge.